{ Gionni's net board }

..:: Pensieri a denti stretti ::..


Mi si nota di più se vengo e me ne sto in disparte o se non vengo per niente?

Nanni Moretti


\\ Home Page : Storico per mese (inverti l'ordine)
Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.
 
 
è un pensiero di Gionni inserito il 27/09/2006 alle 09:49:57, nella sezione Variazioni sul tema, e linkato 1898 volte.
"Le domande veramente serie sono solo quelle che possono essere formulate da un bambino. Sono domande per le quali non esiste risposta".
Questa frase del libro di Milan Kundera mi passa e ripassa per la testa. E' proprio vero che sono i bambini a dominare il mondo. La loro innocenza è disarmante, ti lascia senza fiato perchè sanno raccogliere in se tutti i misteri del mondo. E' una innocenza che assume aspetti divini, il loro desiderio di crescere è probabilmente il più grande mistero imperscrutabile del mondo. Il loro essere veri, senza possibilità di interpretazione e senza ambiguità, straccia tutti i veli di una realtà quotidiana in cui siamo immersi. Sono i portatori sani di valori che il mondo moderno sta ponendo sempre di più in secondo piano.
Siamo stati tutti bambini, ma nessuno di noi è più capace di ricordare veramente il senso profondo della nostra anima a quell'età. Se soltanto per 5 minuti l'umanità tornasse tutta bambina, probabilmente non ci sarebbero più sentimenti negativi al mondo, ma solo la speranza in un futuro migliore.

"L'uomo vive ogni cosa subito, per la prima volta, senza preparazioni. Come un attore che entra in scena senza aver mai provato. Ma che valore può nascondere la vita se la prima volta è già la vita stessa?" 
Un pensiero che è la conferma di un mio pensiero. Siamo parte di una grande sceneggiatura, nella quale sta unicamente a noi decidere che ruolo averne. Attori o semplici comparse.
Ed è lì, in questa sostanziale differenza di ruoli che si viene a porre la sottile linea tra il vivere la vita o farsi più semplicemente vivere. Essere capaci di decidere. O solamente lasciar decidere gli altri, non per mancanza di responsabilità, ma per inedia, una banale carenza di desiderio di riscatto e di crescita.

Forse è proprio questa "l'insostenibile leggerezza dell'essere".
 
è un pensiero di Gionni inserito il 18/09/2006 alle 13:35:08, nella sezione Variazioni sul tema, e linkato 1322 volte.

SOMALIA: SUORA UCCISA PER VENDETTA

Suor Leonella è stata uccisa con diversi colpi di arma da fuoco nell'ospedale Sos di Mogadiscio, dove da anni sono attive tre religiose delle Missionarie della Consolata. Ieri, un leader religioso di Mogadiscio legato alle Corti islamiche, Abubukar Hassan Malin, aveva invitato i musulmani a "vendicarsi" del Papa per le sue dichiarazioni sull'islam e la guerra santa, ritenute offensive dal mondo musulmano, aggiungendo che chiunque rechi offesa al profeta Maometto deve "essere ucciso". "Vi esortiamo, musulmani, dovunque voi siate, a perseguitare il Papa per le sue barbare dichiarazioni, come avete perseguitato Salman Rushdie, il nemico di Allah che aveva offeso la nostra religione", ha detto ieri Hassan Malin.


Oggi apro con questo. Una riflessione difficile da digerire anche per me, che ho sempre desiderato e lavorato per la comprensione e il rispetto tra le persone, abbandonando irrigidimenti ed estremismi. 
Credo che si stia realmente oltrepassando il limite.
Questa è la libertà e la democrazia che c'è nel mondo?
E' questo il modo di come ci si difende o si fanno valere le proprie ragioni?
Questa è la religione, il senso di fede che certa gente propone o sente come valori?
E l'occidente che fa? Guarda, si rammarica, e gira la testa...

OOOOOOOOHHHHHHHHH svegliatevi!!!
Tutti a combattere per difendere i diritti, tutti a scendere in campo per tutelare le proprie realtà, ma quando è necessario, tutti pronti a girare il capo o a cercare giustificazioni idiote?
A furia di guardare unicamente alle necessità economiche, pian piano abbiamo perso di vista la nostra stessa vita, permettendo a gente che NON SA cosa significhi il rispetto, di condizionarci in tutto e per tutto.
Siamo unicamente comparse, comandate da mani lorde di sangue, che non conoscono il significato reale della parola SACRO.
Cosa c'è di più sacro della vita umana? Del rispetto, della dignita?

L'ombra del medioevo si riaffaccia sulla terra, nella sue veste peggiore. Non il medioevo che ha portato il progresso, fucina della cultura e del rinasimento, ma barbaramente l'era della morte.
Perchè il nemico va ucciso.
Leggo oggi: "Conquisteremo Roma come promesso dal Profeta". Il consiglio dei Mujahidin, cellula della guerriglia irachena confluita in Al Qaeda, lancia la sua "guerra santa" contro il Vaticano, "fino alla sconfitta dell'Occidente". Mi basta questo per confermare ulteriormente che il discorso di Benedetto XVI a Ratisbona era perfettamente calzante. Ed ovviamente male interpretato, o meglio saggiamente estrapolato secondo le proprie turpi necessità, così come la citazione di Michele Paleologo, imperatore di Bisanzio, che non incitava di certo alla morte e alla distruzione.
"E' contrario a Dio, alla natura umana e alla ragione - erano state le parole del Papa - non ci può essere conversione né fede costretta dalla violenza"
Non si può e non si deve usare il nome di Dio o di Allah per diffondere una cultura di morte e perseguire fini di distruzione e terrore. E' una violenza verso Dio stesso, verso il suo massimo ed assoluto senso di sacro e verso l'infinito amore che lui ci dona ogni giorno.
E' una bestemmia verso di Lui, perchè una violenza verso le sue creature.
Per queste giuste e illuminanti affermazioni, ora incitano la morte del Papa. Forse è qui la differenza di cultura?
E vogliamo parlare delle vignette satriche? Tutti a prodigarsi in scuse, ma manco uno a chiederle per la vignetta raffigurante il Papa come un maiale. Rispetto ogni forma di religione, ma penso e credo che debba essere un valore reciproco e non univoco. A quanto pare per molti non è così. Potere del petrolio?

Concludo con una riflessione sui maiali. Secondo me meritano molto più rispetto loro che le persone che li disprezzano. Almeno l'utilità del maiale è un fatto certo.

 
è un pensiero di Gionni inserito il 13/09/2006 alle 13:01:40, nella sezione Variazioni sul tema, e linkato 981 volte.
Nel fine settimana appena trascorso si sono addensati parecchi eventi e ricorrenze, molti dei quali ingiustamente passati quasi in sordina, ed altri invece a cui si continua a dare troppa rilevanza mediatica.
Penso che già con queste poche parole, molti mi avranno capito, ma oltre a ricorrenze storiche, c'è stata anche la "cultura" con la lunga notte romana.
 
La kermesse di anniversari ed avvenimenti inzia  con una data storica per l'Italia, l'8 settembre 1943, quando quel che rimaneva di una nazione occupata e oppressa,

Il Corriere della Sera
dell'8 settembre 1943
Foto presa dalla rete
decideva di dare il via ad una campagna di liberazione, cercando di costruire con le sue mani un futuro di pace e democrazia. E' proprio da quella data, con la firma dell'armistizio tre le Forze Alleate e il Governo in carica, che si risveglia il desiderio di libertà ed inizia una lunga e terribile guerra partigiana contro l'invasore nazista. Forze cattoliche, comuniste, liberali e repubblicane, assieme all'esercito e gli Alleati, combattono duramente e con non poche ombre, contro le forze di occupazione e contro la dittatura fascista, che stentatamente e all'ombra di Hitler, ancora cerca di sopravvivere nel Nord e si rende complice di stragi di civili inermi.
Eppure nel 2006 una data così importante per la nostra Repubblica è finita quasi nel dimenticatoio, passata molto semplicemente tra le notizie di cronaca istituzionale. Una mancanza di rispetto verso i nostri padri, i nostri nonni e tutte le persone che nella guerra hanno combattutto e visto morire parenti e amici.
Probabilmente un'amnesia causata dagli strascichi di un MinCulPop di destra memoria che negli ultimi anni ha cercato di attuare un revisionismo storico a volte zoppo e sbilenco.
 
In ordine cronologico, si arriva alla lunga notte romana tra il 9 e il 10 settembre.

La Notte Bianca
Locandina
La Notte Bianca. Giunta alla sua quarta edizione, la manifestazione quest'anno non è stata caratterizzata da alcun evento particolare quale black-out o alluvioni varie che ne hanno contraddistinto gli anni passati. Un evento quindi tranquillo, finalmente un successo per Roma e in particolare per Veltroni.
Gli anni passati, son sempre sceso in piazza dalle 19 del sabato fino alle 7 della domenica successiva per vivermi gli eventi, testimone di una notte particolare lungo le strade di Roma con i suoi disagi e le eccezionalità di cui prima, e concludendo il tour notturno con un cornetto e cappuccino al bar dello Zodiaco a MonteMario. Quest'anno invece ho preferito passare il testimone, un po' per stanchezza un po' per mancanza di euforia, importante per reggere bene il peso della notte e vivere con entusiasmo l'evento.
Le critiche alla Notte Bianca ovviamente si sono alzate da più voci, le solite accuse di populismo, di mancanza di programmazione sulle esigenze reali della città per concentrarle unicamente su eventi che con la quotidianità c'entrano ben poco.
Una cosa senza dubbio è vera, la Notte Bianca, NON è una notte dedicata alla cultura.
E' unicamente un vasto contenitore di eventi che non fa cultura, ma permette alla gente di vivere una serata diversa all'insegna della cultura. Una forte contraddizione, ma visti i risultati, vincente.
 
Questo lungo weekend si è concluso di lunedì, con il quinto anniversario dell'attentato alle Torri Gemelle a NewYork. E anche al Pentagono e del volo United93. Mi astengo da retorismi e sofismi vari. Sono state delle stragi, un momento tremendo e drammatico che ha scosso la mentalità di un popolo e di una nazione che si sentiva invulnerabile. Non potremo mai sapere cosa c'è dietro, quali misteri si celano dietro l'attacco all'America, ma le conseguenze di quest'attentato le stiamo vedendo ancora oggi, con la forte destabilizzazione in atto in Medio Oriente e in tutto il mondo islamico.
Ripeto, è stata una strage, rispettiamo i morti, ma evitiamo di farne l'ennesima americanata. Nella loro drammaticità, tutti gli eccidi meritano di essere ricordati allo stesso modo e con la stessa attenzione.
Non esistono stragi di serie A e stragi di serie B.
 
è un pensiero di Gionni inserito il 12/09/2006 alle 12:50:02, nella sezione Variazioni sul tema, e linkato 883 volte.

Tranquilli, non sto in vena di protagonismi vari. Non vi assillerò ogni tanto per ricordare che mi sono aperto un blog o per dirvi quanti visitatori ho avuto (anche se ogni tanto statene certi lo farò).
Però, son piccole soddisfazioni, sono sei mesi di blog.
Sapete bene che ho aperto questo spazio tanto per sfizio, dove poter scrivere un po' dei miei deliri, anche se ultimamente sto perdendo il ritmo e ho perso un po' di seguaci... forse faccio discorsi troppo impegnativi.
Spero di poter riprendere il ritmo, in origine volevo scrivere ogni menata mi passasse per la testa, poi ho attivato la mia solita autocensura e alla fine, lascio scorrere post senza metterli in rete.
Ah... accidenti alla diplomazia.

Cmq, un grazie sentito ai miei 3700 e passa visitatori, che dopo una attenta analisi attraverso Google Analytics  il 68% risultano visitatori abituali. Il restante 32% provengono invece da vari link e motori di ricerca, Google da solo fa il 22%.
Il 70% dei visitatori italiani proviene dal Lazio. Però sono curioso di conoscere i 12 visitatori da Stoccolma... Il resto, c'è qualche unità sparsa per il mondo che ogni tanto finisce sul blog.

Continuate a leggermi numerosi!!!

 

 
è un pensiero di Gionni inserito il 09/09/2006 alle 11:54:10, nella sezione Variazioni sul tema, e linkato 837 volte.

C'è gente in giro per il mondo che si crede quasi invasa da un fuoco sacro, eletti con la convinzione di possedere una forza sovranaturale che dona loro chissà quali poteri e prerogative tali da farli sentire esseri superiori.
Fin quando tali perversioni mentali passano per la testa degli esaltati di destra, mi può anche stare bene, fa parte dei loro ideali il concetto di "superuomo".
Ma che tali deliri vengano a chi si professa seguace degli ideali comunisti... c'è qualcosa che non mi torna. O è sbagliata la persona, o gli estremi si somigliano e attraggono.
O forse è più semplicemente come ho scritto appunto nel titolo del post, il delirio di onnipotenza, tipico in chi ha bisogno di apparire per essere ed è quindi disposto anche a rinunciare a vivere pur di sentirsi qualcuno. E soprattutto, non conosce il rispetto e la riconoscenza. Che in altre parole si tramuta in egoismo e ipocrisia.

Insomma, un concentrato di bei sentimenti.

 
Pagine: 1 2
Immagine
 San Martino di Castrozza... di Gionni

Briciole di Briciola


Commenti


che bello
21/11/2009 alle 15:44:00
è un pensiero di Anonimo
"Capita spesso - spiega Ghezzi ...
28/10/2009 alle 07:49:23
è un pensiero di Luigi
aggiornare!!!! ^___^
26/08/2009 alle 09:14:38
è un pensiero di Mik
scusate, ma sono totalmente dal...
29/05/2009 alle 19:45:48
è un pensiero di Mik
non mi piace
29/05/2009 alle 19:43:26
è un pensiero di Mik
smk
15/05/2009 alle 07:23:40
è un pensiero di Fù
Se è vero che Dio vede e provve...
11/02/2009 alle 12:44:33
è un pensiero di Omar
La gente nega quella catastrofe...
10/02/2009 alle 20:07:01
è un pensiero di Fù
Ma parli del babbo o della Elua...
10/02/2009 alle 20:03:28
è un pensiero di Fù
Posso aggiungere un altro "Omar...
10/02/2009 alle 01:58:24
è un pensiero di Omar
Secondo me viviamo in uno stato...
10/02/2009 alle 01:32:12
è un pensiero di Omar
condivido le tue sensazioni, mi...
12/01/2009 alle 22:46:18
è un pensiero di portobello8
Giovanni? se ci sei batti un co...
02/01/2009 alle 12:07:35
è un pensiero di Ulisse
Mi spiace che sia morto sto blo...
29/11/2008 alle 19:36:41
è un pensiero di Fù
Bene, una buona notizia ogni ta...
21/11/2008 alle 13:46:08
è un pensiero di Fù

Link

Titolo
IlPendolare Magazine, il mensile del trasporto pubblico locale a Roma e nel Lazio.
Il mensile del trasporto pubblico locale a Roma e nel Lazio
IlPendolare Magazine

La FUTURA briciola di un IMPERATORE
Fù on-line

Pensieri di quotidiana follia
Il Blog di Miki

Una parte di mie vecchie creazioni web
L'isola del Tesoro
Mario Giglio e l'Orchestra Siciliana

cms asp blog
Cosa troverai qui? Un po' di tutto...
Simone Rodriguez's
 
CountryHouse Umbria
Charme & Relax
La Locanda del Borgo 

La torre di babele
Il blog di Pino Scaccia

Apparire ridicoli per essere presi sul serio
I pensieri di Davidonzo

Il meravOglioso mondo di Oruam
O2 - OruaM:MaurO
il suo Space e non poteva mancare il suo blog

Trent'anni con l'orologio biologico che incalza
Voglioesseremamma

MondoPorcello Blog
Panino di Mortadella

Napul'è...
Lina

L'origine di tutto
dBlog.it - Open Source e
il blog di Marlenek

Template per Blog (grazie per il tifo)
eStrix

Ferrovie per passione
Ilmondodeitreni

Ci sono 61 ospiti.
Ci sono statilettori.

Calendario

< agosto 2017 >
L
M
M
G
V
S
D
 
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
     
             

Top 10 utenti
del mese