{ Gionni's net board }

..:: Pensieri a denti stretti ::..


Un'idea che non sia pericolosa non merita affatto di essere chiamata idea

Oscar Wilde


\\ Home Page : Storico per mese (inverti l'ordine)
Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.
á
á
Ŕ un pensiero di Gionni inserito il 26/06/2006 alle 19:37:59, nella sezione Variazioni sul tema, e linkato 1004 volte.
Vincono i NO al referendum, e vabbè, quasi scontato, la notizia passa in secondo piano.

Totti fa il ciucciotto dopo aver segnato il rigore che permette all'Italia di accedere ai quarti
Foto presa dalla rete
Perchè l'evento mediatico del giorno, è il rigore al 95░ di Totti, che regala all'Italia i quarti. Ma che sudata ragazzi... vedremo stasera chi ci destina il fato, la Svizzera di Frei o l'Ukraina di Shevshenko. (Ci tocca l'Ukraina, che ha elimitato ai rigori una pur splendida Svizzera. Peccato, sarebbe stata una bella sfida transalpina. ndg)
E il pupone commenta così il suo gol: "Era ora che facevo il ciucciotto..." Un gesto chiaramente d'affetto per il figlioletto.
 
Ŕ un pensiero di Gionni inserito il 24/06/2006 alle 16:04:53, nella sezione Variazioni sul tema, e linkato 2673 volte.

Giovanni Battista è l'unico santo, oltre la Madre del Signore,


San Giovanni Battista
Immagineápresa dalla rete
del quale si celebraála nascita. Fu il più grande fra i profeti perchèámostrò al mondo e battezzò il Figlio di Dio. La sua vocazione profetica fin dal grembo materno è circondata di eventi straordinari, pieni di gioia messianica, che preparano la nascita di Gesù. Giovanni è il Precursore del Cristo con la parola e con la vita. Il battesimo di penitenza è figura del Battesimo secondo lo Spirito.
La data della festa, tre mesi dopo l'annunciazione e sei prima del Natale, risponde alle indicazioni dell'evangelista Luca.á(da
santiebeati.it)

GIOVANNI: Nome di origine ebraica il cui significato è "dono del Signore".
In passato veniva dato a un figlio lungamente atteso. Si contano più di 300 Santi e Sante con questo nome. E' il secondo nome più diffuso in Italia dopo Giuseppe.
Varianti straniere: Eoin, Evan, John, Iain, Ian, Ioannes, Ion, Ivan, Jan, Janos, Jean, Jens, Joan, Joao, Johann, Johnny, Juan, Keoni (hawaiano), Sean, Yan, Yannick.

 
Ŕ un pensiero di Gionni inserito il 23/06/2006 alle 20:12:31, nella sezione Variazioni sul tema, e linkato 1000 volte.

VAFFANCULO A QUELLO STRONZO CHE MI HA RIGATO LA MACCHINA!!! Che si rigasse quell'unico neurone disabile che ha nel cervello.

So incazzato E - ) S - (

 
Ŕ un pensiero di Gionni inserito il 22/06/2006 alle 14:08:36, nella sezione Politicando, e linkato 1072 volte.

Quasi due mesi fa sua Emittenza Silvio Berlusconi bollava gli Italiani come "coglioni", unicamente perchè temeva che la gente, esprimendo con il proprio voto una scelta ben precisa, avrebbe infranto il suo desiderio di rimanere al Governo. E i "coglioni", da sempre componenti importanti dell'origine della vita, hanno permesso così di dar vita ad un nuovo governo.
Offendere non paga, ma a quanto pare, quando non si hanno altre argomentazioni, è l'unica strada percorribile.
Ieri, il Silvio ne ha detta un altra. I "coglioni", son diventati "indegni"... (
leggi qui, da Repubblica.it).
Ebbene si, siamo dei "coglioni" indegni, perchè stanchi di essere presi in giro e inorriditi del massacro a colpi di maggioranza della nostra Carta Costituzionale messo in atto dal passato esecutivo unicamente per interessi politici. Tralascio altre dichiarazioni quali "questa riforma porta la libertà e la democrazia in italia, la possibilità di avere un governo stabile direttamente controllato dai cittadini..." ma la conosce la SUA riforma??? Ah, già, dimenticavo, la vera democrazia è quando LUI decide, LUI comanda e LUI dice agli Italiani cosa fare.
Senno sono "indegni coglioni".
Non commento il resto, ma leggetevi il post precedente. Non è ammissibile che una persona che si dichiara portatore sano ed unico vero conoscitore della democrazia, violi la libertà stessa di pensiero offendendo la dignità del cittadino e la sua capacità di scelta.

 
Ŕ un pensiero di Gionni inserito il 19/06/2006 alle 14:43:36, nella sezione Politicando, e linkato 1029 volte.

Avrete capito quale sia la mia indicazione di voto per il prossimo Referendum Costituzionale del 25 e 26 giugno.

Un voto a difesa della nostra giovane carta costituzionale, che con i suoi 60 anni, si dimostra ancora snella e democratica, a dispetto di chi, stravolgendola, cerca di riportarla indietro di almeno 80 anni.
Quindi voterò NO, per fermare questa riforma nefasta, perchè è necessario lavorare per aggiornare e non demolire la nostra Carta Costituzionale tornando a ragionare concretamente su un progetto reale e a largo respiro per la ripresa del "vero" sogno italiano.
Ma entriamo nel dettaglio dei perchè secondo me la riforma non va approvata.
La riforma tratta con l'improprio nome di "devolution" il rapporto tra regioni e stato, cercando di proporre una pseudo forma federale che in realtà è unicamente una regionalizzazione dei poteri fiscali e dei servizi primari. Ma la riforma in questo modo ferisce l'unità nazionale attribuendo alle singole regioni la competenza esclusiva in materie che riguardano i livelli essenziali dei cittadini soprattutto nei diritti alla salute ed all'istruzione. E' chiaro che una soluzione di tale genere a lungo, ma anche a breve termine porterebbe un depotenziamento soprattutto delle regioni finanziariamente più deboli o svantaggiate, ponendo davanti a se degli scenari di disparita e disequilibrio tra gli stessi cittadini. In più bisogna tener conto dei pesanti effetti di differenziazione che deriveranno dall'attribuzione esclusiva delle competenze regionali nelle altre materie non espressamente riservate alla legislazione dello Stato quali agricoltura, industria e turismo, nelle quali potrebbe diventare impossibile la determinazione di principi generali unitari e di qualunque politica nazionale, con il rischio di andare ad annullare ogni iniziativa di rilancio e promozione locale.
Vogliamo poi parlare della riforma istituzionale vera e propria? Un tentativo goffo quasi a voler legittimare attraverso la carta costituzionale e successivamente il voto popolare, una forma di autoritarismo che ricorda tanto venti anni in camicia nera.
L'unica differenza sta probabilmente nel fatto che qua si chiama premierato.
La riforma prevede la concentrazione di poteri nelle mani del Primo ministro. Si intende attuare una fortissima blindatura del governo, delegando ogni decisione unicamente all'interno della stessa maggioranza, ponendo come unica alternativa lo scioglimento della Camera, a discrezione dello stesso Premier, che acquisisce così nelle sue mani potere decisionale sulle sorti del Parlamento.
Il Presidente della Repubblica, attualmente figura di garanzia, che nell'ambito dei poteri che gli conferisce la Costituzione, controlla e tutela i rapporti tra le istituzioni, con la riforma proposta diventerebbe unicamente una carica di rappresentanza, perdendo ogni potere attuale quale la nomina del primo ministo e il potere di scioglimento della Camera, potere che passerebbe, come affermato prima, integralmente al Premier.
La Camera dei Deputati è degradata ad una condizione di inferiorità. Perde ogni potere decisionale, legiferativo e di controllo sull'operato del governo, divenendo uno strumento nelle mani delle decisioni del Premier. Se l'aula dissente sulla richiesta di approvazione di un testo legislativo su cui il Premier ha posto la questione di fiducia, lo stesso ha il potere di ignorare la decisione parlamentare spostando le competenze presso il Senato, oppure decretare lo scioglimento della sola Assemblea e il ritorno di fronte agli elettori. La finalità "antiribaltone" non giustifica queste scelte estreme, perché la stabilità del governo risulta realizzabile anche attraverso una soglia poporzionale con l'attribuzione di un premio di maggioranza, lasciando agli elettori un potere decisionale sulle maggioranze di governo.
Il Senato, che diverrebbe senato "federale", avrebbe unicamente competenza sulle materie delle regioni, degli enti e delle comunità territoriali. Un controsenso rispetto alla riforma, in quanto il senato federale potrebbe intervenire sulle questioni locali annullando in teoria ogni forma di federalismo o non garantendo nessuna forma di neutralità, anzi, creando un'ulteriore conflitto di competenze tra i vari organi dello Stato.
Verrebbe inoltre a decadere l'attuale forma di bicameralismo legiferativo paritario. La distribuzione delle attribuzioni legislative tra Camera e Senato in base alle diversità delle materie rende del tutto incerto l'esercizio del potere di legiferare, anche perché il Primo ministro può spostare dal Senato alla Camera e viceversa la deliberazione in via definitiva sui testi ritenuti fondamentali per l'attuazione del programma di governo, mentre la riduzione del numero dei parlamentari (attraverso non si sa quale arzigogolato calcolo aritmetico ed operativa solo dal 2016), comporterebbe probabilmente si meno spese allo stato, ma rappresenta una manovra creata unicamente per una maggiore pressione politica e di controllo della maggioranza, diminuendo e quasi annullando la voce dell'opposizione.
Il Csm passerebbe da organo indipendente di autogoverno della magistratura, a organo politico della maggioranza per il controllo del potere giudiziario. In breve, maggioranza e premier avranno il potere di interferire e condizionare indagini, processi e giudizi intervenendo sull'autonomia della magistratura stessa.
Roma, con la riforma, rimarrebbe capitale d'Italia solo dal punto di vista nominale. Dal punto di vista legislativo e pratico sarebbe equiparata ad un semplice capoluogo di regione. Parlando di federalismo, la nazione viene a perdere una capitale ed in essa parte del fondamento dell'unitarietà dello stato. (Ci mancava solo che decidessero che ogni regione ha la sua bandiera ed inno, e avevamo fatto bingo...)
Ma la parte più esaltata della riforma va a cozzare con l'attuale art. 138 della Costituzione, che non prefigura "riforme totali" della Carta, e viola i diritti degli elettori, radicati negli articoli 1 e 48 della Carta Costituzionale.
Gli elettori il prossimo 25 e 26 giugno con un solo "si" o "no" vengono costretti a prendere contemporaneamente posizione sulle modifiche delle funzioni del Presidente del Consiglio, delle funzioni del Presidente della Repubblica, del procedimento legislativo, della composizione e delle funzioni di Camera e Senato, delle competenze legislative regionali, della composizione della Corte costituzionale, del giudizio di legittimità costituzionale in via diretta e del procedimento di revisione costituzionale. Se vincesse il sì diventerebbe impossibile per molto tempo cambiare un testo approvato dal popolo, mentre se vince il no, c'è solo il rifiuto di una riforma votata nella passata legislatura ed imposta a colpi di maggioranza, lasciando aperta la strada per emendamenti coerenti con i principi ed equilibri fondamentali dell'impianto costituzionale, da approvare a maggioranza qualificata, in forza dell'art. 138 della Costituzione.

 
Pagine: 1 2 3 4 5
Immagine
 Euforia bianca...... di Gionni

Briciole di Briciola


Commenti


che bello
21/11/2009 alle 15:44:00
Ŕ un pensiero di Anonimo
"Capita spesso - spiega Ghezzi ...
28/10/2009 alle 07:49:23
Ŕ un pensiero di Luigi
aggiornare!!!! ^___^
26/08/2009 alle 09:14:38
Ŕ un pensiero di Mik
scusate, ma sono totalmente dal...
29/05/2009 alle 19:45:48
Ŕ un pensiero di Mik
non mi piace
29/05/2009 alle 19:43:26
Ŕ un pensiero di Mik
smk
15/05/2009 alle 07:23:40
Ŕ un pensiero di Fù
Se Ŕ vero che Dio vede e provve...
11/02/2009 alle 12:44:33
Ŕ un pensiero di Omar
La gente nega quella catastrofe...
10/02/2009 alle 20:07:01
Ŕ un pensiero di Fù
Ma parli del babbo o della Elua...
10/02/2009 alle 20:03:28
Ŕ un pensiero di Fù
Posso aggiungere un altro "Omar...
10/02/2009 alle 01:58:24
Ŕ un pensiero di Omar
Secondo me viviamo in uno stato...
10/02/2009 alle 01:32:12
Ŕ un pensiero di Omar
condivido le tue sensazioni, mi...
12/01/2009 alle 22:46:18
Ŕ un pensiero di portobello8
Giovanni? se ci sei batti un co...
02/01/2009 alle 12:07:35
Ŕ un pensiero di Ulisse
Mi spiace che sia morto sto blo...
29/11/2008 alle 19:36:41
Ŕ un pensiero di Fù
Bene, una buona notizia ogni ta...
21/11/2008 alle 13:46:08
Ŕ un pensiero di Fù

Link

Titolo
IlPendolare Magazine, il mensile del trasporto pubblico locale a Roma e nel Lazio.
Il mensile del trasporto pubblico locale a Roma e nel Lazio
IlPendolare Magazine

La FUTURA briciola di un IMPERATORE
Fù on-line

Pensieri di quotidiana follia
Il Blog di Miki

Una parte di mie vecchie creazioni web
L'isola del Tesoro
Mario Giglio e l'Orchestra Siciliana

cms asp blog
Cosa troverai qui? Un po' di tutto...
Simone Rodriguez's
 
CountryHouse Umbria
Charme & Relax
La Locanda del Borgo 

La torre di babele
Il blog di Pino Scaccia

Apparire ridicoli per essere presi sul serio
I pensieri di Davidonzo

Il meravOglioso mondo di Oruam
O2 - OruaM:MaurO
il suo Space e non poteva mancare il suo blog

Trent'anni con l'orologio biologico che incalza
Voglioesseremamma

MondoPorcello Blog
Panino di Mortadella

Napul'è...
Lina

L'origine di tutto
dBlog.it - Open Source e
il blog di Marlenek

Template per Blog (grazie per il tifo)
eStrix

Ferrovie per passione
Ilmondodeitreni

Ci sono 107 ospiti.
Ci sono statilettori.

Calendario

< dicembre 2017 >
L
M
M
G
V
S
D
    
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
             

Top 10 utenti
del mese