{ Gionni's net board }

..:: Pensieri a denti stretti ::..


Un'idea che non sia pericolosa non merita affatto di essere chiamata idea

Oscar Wilde


\\ Home Page : Articolo
Tuteliamo la Carta Costituzionale
un pensiero di Gionni inserito il 19/06/2006 alle 14:43:36, nella sezione Politicando, e linkato 1137 volte.

Avrete capito quale sia la mia indicazione di voto per il prossimo Referendum Costituzionale del 25 e 26 giugno.

Un voto a difesa della nostra giovane carta costituzionale, che con i suoi 60 anni, si dimostra ancora snella e democratica, a dispetto di chi, stravolgendola, cerca di riportarla indietro di almeno 80 anni.
Quindi voterò NO, per fermare questa riforma nefasta, perchè è necessario lavorare per aggiornare e non demolire la nostra Carta Costituzionale tornando a ragionare concretamente su un progetto reale e a largo respiro per la ripresa del "vero" sogno italiano.
Ma entriamo nel dettaglio dei perchè secondo me la riforma non va approvata.
La riforma tratta con l'improprio nome di "devolution" il rapporto tra regioni e stato, cercando di proporre una pseudo forma federale che in realtà è unicamente una regionalizzazione dei poteri fiscali e dei servizi primari. Ma la riforma in questo modo ferisce l'unità nazionale attribuendo alle singole regioni la competenza esclusiva in materie che riguardano i livelli essenziali dei cittadini soprattutto nei diritti alla salute ed all'istruzione. E' chiaro che una soluzione di tale genere a lungo, ma anche a breve termine porterebbe un depotenziamento soprattutto delle regioni finanziariamente più deboli o svantaggiate, ponendo davanti a se degli scenari di disparita e disequilibrio tra gli stessi cittadini. In più bisogna tener conto dei pesanti effetti di differenziazione che deriveranno dall'attribuzione esclusiva delle competenze regionali nelle altre materie non espressamente riservate alla legislazione dello Stato quali agricoltura, industria e turismo, nelle quali potrebbe diventare impossibile la determinazione di principi generali unitari e di qualunque politica nazionale, con il rischio di andare ad annullare ogni iniziativa di rilancio e promozione locale.
Vogliamo poi parlare della riforma istituzionale vera e propria? Un tentativo goffo quasi a voler legittimare attraverso la carta costituzionale e successivamente il voto popolare, una forma di autoritarismo che ricorda tanto venti anni in camicia nera.
L'unica differenza sta probabilmente nel fatto che qua si chiama premierato.
La riforma prevede la concentrazione di poteri nelle mani del Primo ministro. Si intende attuare una fortissima blindatura del governo, delegando ogni decisione unicamente all'interno della stessa maggioranza, ponendo come unica alternativa lo scioglimento della Camera, a discrezione dello stesso Premier, che acquisisce così nelle sue mani potere decisionale sulle sorti del Parlamento.
Il Presidente della Repubblica, attualmente figura di garanzia, che nell'ambito dei poteri che gli conferisce la Costituzione, controlla e tutela i rapporti tra le istituzioni, con la riforma proposta diventerebbe unicamente una carica di rappresentanza, perdendo ogni potere attuale quale la nomina del primo ministo e il potere di scioglimento della Camera, potere che passerebbe, come affermato prima, integralmente al Premier.
La Camera dei Deputati è degradata ad una condizione di inferiorità. Perde ogni potere decisionale, legiferativo e di controllo sull'operato del governo, divenendo uno strumento nelle mani delle decisioni del Premier. Se l'aula dissente sulla richiesta di approvazione di un testo legislativo su cui il Premier ha posto la questione di fiducia, lo stesso ha il potere di ignorare la decisione parlamentare spostando le competenze presso il Senato, oppure decretare lo scioglimento della sola Assemblea e il ritorno di fronte agli elettori. La finalità "antiribaltone" non giustifica queste scelte estreme, perché la stabilità del governo risulta realizzabile anche attraverso una soglia poporzionale con l'attribuzione di un premio di maggioranza, lasciando agli elettori un potere decisionale sulle maggioranze di governo.
Il Senato, che diverrebbe senato "federale", avrebbe unicamente competenza sulle materie delle regioni, degli enti e delle comunità territoriali. Un controsenso rispetto alla riforma, in quanto il senato federale potrebbe intervenire sulle questioni locali annullando in teoria ogni forma di federalismo o non garantendo nessuna forma di neutralità, anzi, creando un'ulteriore conflitto di competenze tra i vari organi dello Stato.
Verrebbe inoltre a decadere l'attuale forma di bicameralismo legiferativo paritario. La distribuzione delle attribuzioni legislative tra Camera e Senato in base alle diversità delle materie rende del tutto incerto l'esercizio del potere di legiferare, anche perché il Primo ministro può spostare dal Senato alla Camera e viceversa la deliberazione in via definitiva sui testi ritenuti fondamentali per l'attuazione del programma di governo, mentre la riduzione del numero dei parlamentari (attraverso non si sa quale arzigogolato calcolo aritmetico ed operativa solo dal 2016), comporterebbe probabilmente si meno spese allo stato, ma rappresenta una manovra creata unicamente per una maggiore pressione politica e di controllo della maggioranza, diminuendo e quasi annullando la voce dell'opposizione.
Il Csm passerebbe da organo indipendente di autogoverno della magistratura, a organo politico della maggioranza per il controllo del potere giudiziario. In breve, maggioranza e premier avranno il potere di interferire e condizionare indagini, processi e giudizi intervenendo sull'autonomia della magistratura stessa.
Roma, con la riforma, rimarrebbe capitale d'Italia solo dal punto di vista nominale. Dal punto di vista legislativo e pratico sarebbe equiparata ad un semplice capoluogo di regione. Parlando di federalismo, la nazione viene a perdere una capitale ed in essa parte del fondamento dell'unitarietà dello stato. (Ci mancava solo che decidessero che ogni regione ha la sua bandiera ed inno, e avevamo fatto bingo...)
Ma la parte più esaltata della riforma va a cozzare con l'attuale art. 138 della Costituzione, che non prefigura "riforme totali" della Carta, e viola i diritti degli elettori, radicati negli articoli 1 e 48 della Carta Costituzionale.
Gli elettori il prossimo 25 e 26 giugno con un solo "si" o "no" vengono costretti a prendere contemporaneamente posizione sulle modifiche delle funzioni del Presidente del Consiglio, delle funzioni del Presidente della Repubblica, del procedimento legislativo, della composizione e delle funzioni di Camera e Senato, delle competenze legislative regionali, della composizione della Corte costituzionale, del giudizio di legittimità costituzionale in via diretta e del procedimento di revisione costituzionale. Se vincesse il sì diventerebbe impossibile per molto tempo cambiare un testo approvato dal popolo, mentre se vince il no, c'è solo il rifiuto di una riforma votata nella passata legislatura ed imposta a colpi di maggioranza, lasciando aperta la strada per emendamenti coerenti con i principi ed equilibri fondamentali dell'impianto costituzionale, da approvare a maggioranza qualificata, in forza dell'art. 138 della Costituzione.

 
# 1
Il problema fondamentale è che una buona riforma (necessaria in quanto ritengo la ns costituzione un guazzabuglio di idee spesso fin troppo astratte) è stata annacquata per dare un contentino ai leghisti..ma alla fine scontenta tutti,perchè di fatto da un lato concede più poteri alle regioni, dall'altro crea un organismo che può continuare a scavalcarle. Se non fosse una riforma fatta per accontentare i leghisti voteri al volo si, in primis perchè chi si oppone è l'attuale maggioranza... : - ) Ma purtroppo si son concentrati in un unico referendum troppe questioni che andrebebro riviste singolarmente...e quidni, turandomi pesantemente il naso, purtroppo dovrò votare no..e ciò mi fa rodere tremendendamente...
PS
La magistratura è tutto tranne che autonoma e difesa a spada tratta da certe forze politiche...e guarda caso i giudici vedono come la morte la separazione delle carriere...
un pensiero di  Omar  
(inviato il 19/06/2006 alle 21:38:56)
# 2
Ma il potere giudiziario posto sotto il potere politico lo tramuta in un organo di repressione. Un po' come il famoso tribunale del fascismo. Abbiamo combattuto per avere la democrazia ed ora vogliamo tornare indietro di 80 anni? Poi ce pija per il culo anche l'isola di Tonga...
Ritenere la nostra Costituzione un guazzabuglio di idee astratte vuol dire non averla mai letta attentamente, di non conoscerne i principi, o avere un'idea di democrazia molto particolare, quasi di ademocrazia... Tralascio le tue motivazioni sul si. Non meritano risposta. Io almeno un'analisi l'ho fatta.
un pensiero di  Giovanni  
(inviato il 20/06/2006 alle 11:24:20)
# 3
Bè, molti partiti sono per il no a priori principalmente perchè è una riforma voluta dal centro destra...Ripeto, poteva essere una buona riforma, per svecchiare un pò la costituzione ed attuare un buon decentramento amministrativo nonchè dare un senso al senato (ricordati che il senato era espressione regia...in contrapposizione ad una camera dei deputati eletta dal popolo...vedi l'Inghilterra dove cmq la House of Lords ha pochissimi poteri)ma si è scelta la via peggiore, accorpando in un unico referndum diversi temi diversi tra loro (potrei essere favorevole ad aver meno parlamentari ma non a meno poteri per il presidente della repubblica ad esempio)e questo è scavalcare un pò gli elettori e proporgli una riforma blindata...
La Costituzione non è una cosa immutabile,può essere modificata ed adattata..:Quanto alle regioni...non sarebbe il caso di sanare l'anomalia delle regioni a Statuto Speciale?
PS
Però sarebbe carino postare anche le ragioni del si...chi si offre? Io ho una cosa girata in ML....
un pensiero di  Omar  
(inviato il 20/06/2006 alle 12:44:04)
# 4
Quella cosa girata in ML nn la commento. Di sicuro io nn passo le ragioni del SI.
Il trucco di questo referendum è stato molto astuto, chiedere la legittimazione al popolo di una deriva autoritaria. Quando il popolo se ne renderà conto, non avrà più voce in capitolo. Corsi e ricorsi storici...
Decentramento ok, ma squilibrio nazionale no.
Le regioni che hanno lo statuto speciale, presentano delle particolarità locali che richiedono interventi diversi. Se si omologa tutto, porti disparità. E' un equilibrio troppo sottile che non può essere generalizzato. Poteri speciali alla Lombardia o all'Emilia-Romagna non avrebbero alcun senso, al Friuli o alla Sicilia invece si.
un pensiero di  Giovanni  
(inviato il 20/06/2006 alle 13:36:23)
# 5
Mah, io non la metterei in toni così tragici e catastrofici..ci son partiti politici che vdono dittature ovunque ed usano ancora lo spauracchio del fascismo...Ripeto è una riforma fatta male e pasticciata solo per far felice la lega...e sarà uno dei motivi x cui a malincuore voterò per il No....
un pensiero di  Omar  
(inviato il 20/06/2006 alle 14:51:53)
# 6
Beh, ci sono pseudoleader politici che fanno ancora campagna politica con lo spauracchio del comunismo/sangue/morte/distruzione...
Il problema non è lo spettro del ritorno del fascismo, ma la deriva autoritaria che tale riforma nasconde sotto le righe. Mica è detto che la deriva sia obbligatoria emnte di destra. Io infatti sono contrario a prescindere, perchè NON mi piace la forma monocratica che propone. Tant'è che di tutta la riforma istituzionale mediaset parla solo della riduzione dei parlamentari.
un pensiero di  Giovanni  
(inviato il 20/06/2006 alle 15:41:10)
# 7
A me non piace che in blocco si debba decidere per modifiche eterogenee...Su Mediaset passa solo la parte che parla della riduzione dei parlamentari?E nessuno li denuncia per pubblicità ingannevole?
un pensiero di  Omar  
(inviato il 20/06/2006 alle 15:55:36)
# 8
hai stappato lo spumante? Ora vedremo se i cocomeri son seriamente intensionati a dialogare con parte del centro-destra per una seria riforma della costituzione...rifondaroli permettendo...(cmq faccio parte di quella aprte di italiani che ha preferito la terza via....del resto votare no e contribuire alla vittoria delle zecche mi dava forte allergia...ma non poteva accettare in toto una riforma che su molti punti era pasticciata....)
un pensiero di  Omar  
(inviato il 27/06/2006 alle 01:39:04)
# 9
Fino ad ora però non ho visto una riflessione seria sulla sconfitta del si... unicamente un po' di becera delusione che di politico ha ben poco. Se la destra continua a sperare di fare politica così, mi sa che ridura poco.
un pensiero di  Giovanni  
(inviato il 27/06/2006 alle 08:37:54)
Non inserire NESSUN testo nel campo sotto (altrimenti Tu, o umano, non riuscirai a commentare)

Testo (max 1000 caratteri)
Nome
Link (Visibile nel Blog)

Email (Visibile solo dall'amministratore)

Salva i miei dati per futuri commenti
Ricevi la notifica di nuovi commenti

Disclaimer
L'indirizzo IP del mittente viene registrato, in ogni caso si raccomanda la buona educazione.
Immagine
 Neve e Nuvole... di Gionni

Briciole di Briciola


Commenti


che bello
21/11/2009 alle 15:44:00
un pensiero di Anonimo
"Capita spesso - spiega Ghezzi ...
28/10/2009 alle 07:49:23
un pensiero di Luigi
aggiornare!!!! ^___^
26/08/2009 alle 09:14:38
un pensiero di Mik
scusate, ma sono totalmente dal...
29/05/2009 alle 19:45:48
un pensiero di Mik
non mi piace
29/05/2009 alle 19:43:26
un pensiero di Mik
smk
15/05/2009 alle 07:23:40
un pensiero di Fù
Se vero che Dio vede e provve...
11/02/2009 alle 12:44:33
un pensiero di Omar
La gente nega quella catastrofe...
10/02/2009 alle 20:07:01
un pensiero di Fù
Ma parli del babbo o della Elua...
10/02/2009 alle 20:03:28
un pensiero di Fù
Posso aggiungere un altro "Omar...
10/02/2009 alle 01:58:24
un pensiero di Omar
Secondo me viviamo in uno stato...
10/02/2009 alle 01:32:12
un pensiero di Omar
condivido le tue sensazioni, mi...
12/01/2009 alle 22:46:18
un pensiero di portobello8
Giovanni? se ci sei batti un co...
02/01/2009 alle 12:07:35
un pensiero di Ulisse
Mi spiace che sia morto sto blo...
29/11/2008 alle 19:36:41
un pensiero di Fù
Bene, una buona notizia ogni ta...
21/11/2008 alle 13:46:08
un pensiero di Fù

Link

Titolo
IlPendolare Magazine, il mensile del trasporto pubblico locale a Roma e nel Lazio.
Il mensile del trasporto pubblico locale a Roma e nel Lazio
IlPendolare Magazine

La FUTURA briciola di un IMPERATORE
Fù on-line

Pensieri di quotidiana follia
Il Blog di Miki

Una parte di mie vecchie creazioni web
L'isola del Tesoro
Mario Giglio e l'Orchestra Siciliana

cms asp blog
Cosa troverai qui? Un po' di tutto...
Simone Rodriguez's
 
CountryHouse Umbria
Charme & Relax
La Locanda del Borgo 

La torre di babele
Il blog di Pino Scaccia

Apparire ridicoli per essere presi sul serio
I pensieri di Davidonzo

Il meravOglioso mondo di Oruam
O2 - OruaM:MaurO
il suo Space e non poteva mancare il suo blog

Trent'anni con l'orologio biologico che incalza
Voglioesseremamma

MondoPorcello Blog
Panino di Mortadella

Napul'è...
Lina

L'origine di tutto
dBlog.it - Open Source e
il blog di Marlenek

Template per Blog (grazie per il tifo)
eStrix

Ferrovie per passione
Ilmondodeitreni

Ci sono 99 ospiti.
Ci sono statilettori.

Calendario

< agosto 2019 >
L
M
M
G
V
S
D
   
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
 
             

Top 10 utenti
del mese