\\ Home Page : Articolo : Stampa
Che vergogna
un pensiero di Gionni inserito il 12/11/2007 alle 12:07:12, nella sezione Variazioni sul tema, e linkato 1081 volte.

Da vergognarsi di essere italiano.
E non mi riferisco al fatto tragico della A1, che non doveva mai accadere e non sarebbe accaduto se solo per un istante si riuscisse a considerare il tifo per una squadra unicamente una passione e non l'appartenenza ad una fazione militare. Mi voglio invece concentrare su un discorso ancora più preoccupante. Gli Ultras oramai controllano il Calcio Italiano, sono loro che decidono l'andamento delle partite, se giocarle o meno e forse, grazie a minacce fisiche e psicologiche, anche i risultati. Ci lamentavamo di Moggi, ma abbiamo davanti un problema ben più grande.
Ancora più preoccupante, per uno stato civile e democratico come il nostro (!?!) è il livello di preparazione militare e di guerriglia che queste frange armate e impazzite hanno oramai raggiunto, capaci di trasformare uno stadio in un campo di battaglia, di devastare dovunque passano, e, nonostante le nuove norme, ancora girano a volto coperto e usano biglie, bastoni, coltelli e armi improprie. Si va allo stadio per UCCIDERE. Il G8 di Genova in confronto era una scampagnata di Boy Scout. E la Polizia che non ha il potere di fermarli.
Questa credo sia pazzia.
Ripeto, non voglio commentare quanto accaduto ad Arezzo, per rispetto alla memoria di un ragazzo morto in una situazione che saranno gli specialisti a dover sbrogliare, ma il livello selvaggio di certi animali, perchè non si possono definire persone, e mi spiace di offenedere gli animali paragonandoli a certi esseri, deve far preoccupare e richiede dal potere politico una forte presa di posizione. Qui non si sta a discutere di un cazzo di pallone rotondo, qui si sta discutendo del vivere civile in una nazione. La nostra.
Nove mesi fa, in occasione degli incidenti di Catania e della tragica morte di Filippo Raciti scrissi proprio su queste pagine la mia preoccupazione
Siamo entrati in guerra? A nove mesi di distanza una tragica conferma.

SI!

E riconfermo le accuse e le condanne espresse in quell'occasione. Se il calcio è questo. Allora basta, chiudiamo gli stadi, andiamo fuori dalle coppe, non siamo un popolo che può vivere serenamente una passione sportiva.
Oppure riapriamo le arene e lasciamoli uccidere tra di loro. Forse in una sola mossa risolviamo tanti problemi.
E poi ci lamentiamo dei Rumeni che sono violenti... oramai ci prendono in giro anche gli Inglesi, che sono notoriamente fumantini se si parla di Football...