\\ Home Page : Articolo : Stampa
TUTTI A CASA!!!
č un pensiero di Gionni inserito il 21/02/2007 alle 22:51:54, nella sezione Politicando, e linkato 1111 volte.


Fotomontaggio by GG

E alla fine, s'è dimesso. Messo in crisi da una maggioranza di minoranza che al Senato alla prima occasione ha evidenziato quanto sia assurda questa legge elettorale, ma soprattutto quanto sia ridicolo il continuare a voler creare il bipolarismo in Italia.
Oggi ho veramente rimpianto la vecchia e cara DC.
Nove mesi fa io avevo predetto che sto governo non sarebbe durato molto. Anzi, non sarebbe andato oltre l'autunno. Forse per questo l'autunno in Italia sta arrivando solo adesso. Mi sa che ai piani alti m'hanno dato retta per fargli fare almeno la Finanziaria.... Se le cose stanno così, adesso arriva l'inverno. Non quello politico, ma quello meterologico.
Ma tralasciando le facezie, quali scenari
si apriranno adesso davanti ai nostri occhi? Mille e millanta.
Dal nuovo incarico a Prodi stesso, con un chissà quale nuovo programma e nuove alleanze, alla tanto desiderata "Grosse Koalition" alla tedesca, ad un governo "balnear-sciistico" per evitare le ennesime elezioni primaverili, financo un nuovo tentativo di maggioranza dell'Unione con un leader politico di forza. O ancor più plausibile un duopolio che dopo aver fatto le scarpe al premier, adesso si litiga la poltrona principale.
Di sicuro adesso si può dire definitivamente addio al programma, addio al partito democratico... però il tempo per fare i Di.Co. ci sono riusciti a trovarlo... bah!!! 
E vengono a cadere sulla Politica Estera. Dopo aver tenuto testa agli Usa e ad altri 7 paesi europei, siamo stati capaci di farci infinocchiare da qualche v(u)oto di coscienza. Paradossale.

Fieri di essere coglioni, adesso... ce ne torniamo in mezzo alle gambe. L'ho sempre detto io che non bisogna giocare troppo con le palle... poi ci si fa male...

P.S. Per la cronaca, il fotomontaggio è stato creato ispirandomi ed utilizzando la locandina di un famoso film di Dino Risi con il grande Albertone Sordi, che si intitolava proprio "Tutti a casa".